Il mondo in mi settima.

 'Quivi sospiri, pianti e alti guairisonavan per l’aere sanza stelle,per ch’io al cominciar ne lagrimai.
24Diverse lingue, orribili favelle,parole di dolore, accenti d’ira,voci alte e fioche, e suon di man con elle 27facevano un tumulto, il qual s’aggirasempre in quell’aura sanza tempo tinta,come la rena quando turbo spira.' - Dante InfernoIl mondo continua a macinare i suoi grani di entropia violenta e di malvagità e imbecillità degli uomini sotto i nostri occhi stupiti di occidentali che da molte generazioni ormai non conoscono il senso concreto della parola 'guerra' e si appassionano, perciò a quella degli altri.E ascoltiamo e vediamo in tivù e leggiamo sui giornali i misfatti che si commettono in quella voragine di senso che chiamiamo Siria – la bocca dell'inferno dell'islamismo radicale aperta sulla crosta del pianeta Terra – ma non ci appare meno stupido e insensato il continuo contrapporsi in Medio Oriente degli interessi strategici di Israele versus l'Iran degli imam e d...

Leggi tutto l'articolo