Il nostro piano casa per gli iraniani.

Attila l’alieno che più alieno sarebbe troppo alieno.  Signori, la vita è fatta di momenti di azione e momenti di pausa, direi quasi di riflessione.
Quel supercoglione di Gelsomino mi ha fatto causa, a mia insaputa, ovvio, ma non al’insaputa della corte per i diritti umani del tribunale dell’Aia e limitrofi, mi ha citato davanti ai giudici europei per crimini di guerra aliena e, gioco forza, il blog è rimasto silente.
Gelsomino invece non è rimasto silente e ancora si lamenta per le percosse che gli ho mollato a telecamere e microfoni spenti.
Ricordate Yes We Can, l’associazione di terrestri illuminati da una utopia salvifica e anche l’iniziativa ‘Solidarietà a Km zero’ che presto, salvo colpi di culo di quel coglione che mi è stato affibbiato come referente terrestre, tornerà a rialimentarsi di nuova linfa vitale.
Saluti e occhio alle stelle e alle spalle.
  Gelsomino Calzettoni, innocente vittima di ingiustizie perpretate perentoriamente.
Il paradiso ormai me lo sono guadagnato, minimo mi  daranno un attico lassù vicino a San Bartolomeo e San Babbila.
Ma non ho fretta di verificare se nell’altro mondo c’è più giustizia che in questo.
Dolorante nello spirito ma ancor più nel corpo, oggi ho lavorato tenendo il ritmo bassissimo, tre certificati in tutto e tra fantomatiche marche da bollo mancanti e altre quisquilie varie che l’esperienza mi ha fatto trovare, non mi son di certo guadagnato la pagnotta.
Neanche un grissino.
Come sagrestano non ho spolverato quasi nulla e ho limitato le mie azioni a quelle più istituzionali.
Ma d’altra parte cosa volete da un povero Cristo massacrato dalla sfiga spaziale? Non l’ho chiesto mica io di condividere lo stesso spazio vitale con quell’ipotenusa scalena di Attila l’alieno…   Il postino che suona sempre a oltranza e oltre.
Che io mi son rotto le palle perché mi son rotto le palle perché mi son rotto le palle perché mi son….aiaaaa…rotto di suonare e nessuno si degna di aprirmi.
Ho incollato allora un fittizio avviso delle poste italiane a tutti i portoni di Affettapalombo che tutti, e sottolineo tutti, tutti tutti, gli inquilini cointestatari di cassetta per le lettere interna al portone, la trasbordino all’esterno dello stesso, e che cazzo!!! Cazzo.
Comunque Obbama è un grandissimo ad aver mandato il messaggio agli iraniani tutti, compresi i beduini che ci hanno l’adsl con la presa Usb 0.0 nel buco del culo del proprio cammello zoppo, tariffa Flett tutto compreso, 0.25 Mega di velocità con l’aiuto di Hallah.
Perché Obbama ha [...]

Leggi tutto l'articolo