Il pittore che scolpisce le sue opere.

La produzione artistica di Pierluigi Meda è speciale.
È vero che la sensibilità e le intuizioni appartengono per intero all'artista: la scelta delle tecniche, del colore, delle dimensioni, l'architettura d'insieme, le forme, i contenuti sono necessariamente frutto delle sue convinzioni e delle sue idee.
Ma qui sembra che siano le opere a scegliere o, quantomeno, a guidare l'artista tanto sono nutrite dalle sue direttive. Esse esigono precisione, sobrietà, armonia, ordine di linee e di colore, assoluto rispetto di misura e di gusto estetico.
Diversamente, non riconoscono la loro paternità e perdono la loro identità.
Di qui, il confronto tra un artista intellettualmente libero - desideroso di innovare e di esprimere sempre forme originali, di produrre soluzioni creative al di fuori delle mode e degli orientamenti imposti dal mercato dell'arte - e le sue opere che pretendono l’osservanza stretta di regole di convenza.
Le mediazioni fra l’artista e le sue creature esistono: esse appaiono t...

Leggi tutto l'articolo