Il primato di longevità in Asia: Giappone e Hong Kong in testa. L'italia perde punti

TOKYO: Per il ventiduesimo anno consecutivo le donne giapponesi risultano essere le più longeve al mondo.
E' quanto emerso dagli ultimi dati rilasciati ufficialmente ieri dal Ministero della Salute giapponese: con una mortalità che sfiora gli 85.81 anni, le donne giapponesi sembrano essere quelle che godono di miglior salute nel pianeta.
In barba a tutti coloro che continuano a ripetere che in Giappone si muore di stress e di patologie nervose, anche gli uomini sembrano godere di ottima salute, sfiorando in media gli 80 anni di longevità.
Il dato più interessante riguarda però la "distanza" che le donne continuano a tenere rispetto agli uomini nel loro primato.
Sì è passato da un anno di differenza registrato nel 2005 fra donne e uomini, con il primato femminile sempre in pole position, a ben quasi sei anni con i dati raccolti nel 2006.
Statistiche alla mano è facile comprendere quanto gli stili di vita della donna media giapponese mirino alla valorizzazione del proprio benessere: alimentazione sana, molto sport, voglia di viaggiare e di conoscere e grande indipendenza nel gestire il proprio tempo libero sembrano essere fattori vincenti nella ricetta di eterna longevità.
A seguire il Giappone è Hong Kong a rivelarsi come la realtà mondiale più longeva in fatto di mortalità femminile: l'ex colonia britannica infatti è popolata da "vecchine" centenarie e tocca il secondo posto al mondo con un'aspettativa di vita di 84.6 anni per le donne.
Un primato tutto asiatico.
Perciò laddove le relazioni economiche e la realtà produttiva sembrano correre a ritmi sfrenati, in realtà regnano ancora stili di vita salutari e un approccio propedeutico a stemperare le fatiche quotidiane.
Dove comunemente si pensa esista solo una realtà sociale tormentata dallo stress di grandi metropoli, alimentato dal sovrappopolamento e da ritmi lavorativi non stop, la tradizione culinaria, la dedizione per l'attività fisica e una risposta cosciente allo stress da lavoro si rivelano essere invece panacee formidabili nell'elisir di lunga vita.
E in Europa? Un tempo era l'Italia a fregiarsi del titolo di Bel Paese.
Nella sua fama planetaria, la bella vita all'italiana era invidiata per la sua dedizione creativa e appassionata al lavoro, parallelamente alleggerita dall'amore per il tempo libero, per l'arte, i sapori e la cura del bello.
Eravamo gli europei più invidiati del mondo e anche i più longevi.
Forse qualche anno fa.
Ora è la Spagna ad accaparrarsi il trono di reginetta d'Europa per longevità e benessere.
I nostri cugini infatti [...]

Leggi tutto l'articolo