Il progetto Pd ha partorito un complotto politico! Il loro problema era quello di mettere fuori gioco Matteo Renzi e per loro ingenuità ci sono riusciti e esultano per la vittoria.Ma la partita non è ancora iniziata.

ZINGARETTI: LA “PRIMA” NON MI è PIACIUTA.Io sono di quelli che rispettano le regole. Ho votato alle primarie per Giachetti, ma sono stato subito pronto a sostenere il nuovo segretario, come, del resto hanno fatto lo stesso Giachetti e Matteo Renzi.
Tuttavia sono anche uno di quelli che rispettano i propri principi e la propria dignità.
Da sempre condivido, e prima che lo dicesse lui, l’affermazione di Calenda: “ Se c’è Emiliano, non ci sono io”.
Oggi leggo a pagina 13 de La Repubblica un articolo di Goffredo De Marchi “ EMILIANO E I CIVICI IN DIREZIONE, PER I RENZIANI TREGUA A RISCHIO” sottotitolo “ La strategia del leader”.
Ecco l’incipit del giornalista: “Cominciano i guai, ma Zingaretti l’aveva detto: “Voglio aprire il PD”. Cambierà anche lo statuto per far entrare tanti non iscritti”. E fermiamoci qui.
Quindi il “non iscritto” Michele Emiliano verrà invitato alla prossima direzione del Partito Democratico. Gulp, sob, gasp ! Dunque il filogrillino (si veda la questione TAP) e anti...

Leggi tutto l'articolo