Il programma del Carroccio

E poi ti ritrovi a leggere sulle pagine locali del "Mattino", un articolo che parlava dell'ultima manifestazione elettorale del Carroccio avellinese, svoltasi nella sede di Casapound, "alleata di ferro" della candidata sindaca leghista, Biancamaria D'Agostino.
L'accurato reportage evidenziava la presenza nel capoluogo di uno dei leader romani della formazione di estrema destra, Luca Marsella, consigliere municipale nella capitale.
Arrivato anche lui a supportare l'avvocata, recentemente fulminata sulla via di Damasco dal verbo salviniano. Ma il pezzo forte dell'articolo sono state le dichiarazioni di Giuliano Bello, candidato nella lista della Lega insieme a qualche altro camerata, e quelle della stessa aspirante prima cittadina.
Nessun "prima gli avellinesi", per mancanza di altre etnie che vengono a toglierci il pane ed il lavoro, data la povertà imperante.
Nessun pogrom annunciato nei confronti delle badanti ucraine né delle domestiche rumene, ma soltanto una sovrapposizi...

Leggi tutto l'articolo