Il ricordo di Micheal in Italia

(italian article) Laura Pausini: «La notizia, inaspettata e dolorosa, ha colpito il mondo intero perchè quello che ha dato a tutti noi con la sua musica ha rivoluzionato il beat, la scrittura e lo spettacolo»: sono le parole con cui  ha commenta la scomparsa di Michael Jackson, con il quale ha avuto la fortuna di collaborare.
Al Bano«Mi ha sempre colpito il suo candore di fondo… Era un artista straordinario: innovativo, forte, popolare e al tempo stesso di grande classe.
E poi come ballava..! Ho avuto sempre un grandissimo rispetto per lui come musicista.
L’uomo era invece di una fragilità pazzesca».
INTERVISTA SU MICHAEL JACKSON ROMA:Zero ha il magone.
Parla lento.
Languido.
L'aria di chi ha passato la notte a misurare l'assurdità di una notizia, a vegliare su una morte che è di tutti, ma sua più di altri.
Lo incontro in un ufficio romano al centro, la mattina dopo.
Michael Jackson era in fondo ma anche in superficie uno di loro, lo stesso demone, una strepitosa bestia da palcoscenico, sfigurata dalla calce viva del proprio talento.
Renato Zero non aspetta nemmeno la prima domanda.
«...
Tornavo a casa dopo una cena a Fiumicino con mia sorella, mia nipote, le figlie di mio figlio...».
Torna a casa e...
«Accendo la radio e sento l'annuncio...
Uno choc».
Reazione immediata? «Buio.
Si è spento un faro formidabile.
Lui, come Battisti da noi, ha alzato l'educazione artistica del mondo.
Con le sue innovazioni sceniche ha costretto lo show business ad adeguarsi ai suoi standard.
Penso a Madonna, a tutti gli altri...».
Dopo lo choc? «Un senso di liberazione.
L'idea di una persona che aveva cessato di lottare contro la crudeltà».
Non la immaginavo tanto partecipe.
«La sua storia mi ha coinvolto.
Lui ha sempre subito questa ispezione maligna di un'America bigotta che ha bisogno dei mostri per sentirsi rassicurata.
Senza mostri non c'è l'America».
Sembra un lutto privato, il suo.
«La fine di Michael Jackson è la fine di tutti noi.
Sì, ci restano Michael Bublé, i Dire Straits, John Mayall...
Ma lui era unico nella capacità di rubare l'attenzione del mondo, dai bambini agli adulti e questa, un po’, è roba che ci accomuna.
Se mi va via lui, va via una parte di Renato».
Hanno accostato spesso in queste ore Michael Jackson a Madonna, tra le divinità pop.
«Lo trovo irriverente nei confronti di Michael.
Lui incarna la perfezione di un disegno non solo artistico.
Era un nero, non dimentichiamolo.
La vittoria dei neri è sempre schiacciante in qualunque epoca.
Da Jessie Owens a Barack Obama».
Un nero che [...]

Leggi tutto l'articolo