Il set di "Matrimonio al Sud" da Polignano a Mare si trasferisce in Campania

Il regista Paolo Costella ha presentato ieri l'annunciato film commedia Matrimonio al Sud (Nella Foto) a Polignano a Mare, nei luoghi che hanno ospitato per due settimane le riprese con il sostegno di Apulia Film Commission.
La Cittadina si conferma - così - la Città del Cinema, come dichiara Daniele Basilio: «È il ventiseiesimo film girato dal 2009 a Polignano a Mare, con un impatto complessivo di sette milioni di Euro.
È una pellicola che - come quelle che la hanno preceduta - non potrà che giovare alla promozione turistica della nostra terra.» Il protagonista Massimo Boldi completa la sua trilogia - dopo Matrimonio alle Bahamas (2007) e Matrimonio a Parigi (2011) - e porta con sè nella nostra Regione gli attori che hanno partecipato a questi due titoli (Enzo Salvi e Loredana De Nardis). Appare molto soddisfatto di aver effettuato gran parte delle riprese in Puglia: «è stato bello lavorare qui perchè la gente - incontrandoti - manifesta autenticamente il bene che ti vuole, molto più che in certe città del Nord.» Biagio Izzo aggiunge: «La Puglia mi fa sentire a casa.
La Regione è stata capace di mantenere inalterata la sua cultura, la sua enogastronomia e il suo peculiare paesaggio, tanto da poter  continuare ad esercitare un forte appeal per altre troupe di film e di serie tv.» Paolo Conticini sottolinea la bellezza di essere coccolato dalla gente del posto, tanto da portarti in casa e offrirti un caffè: «La Puglia è una Cinecittà a cielo aperto, per i suoi scenari naturali ed unici, così bella da volerci tornare presto in vacanza o per lavoro.» Presenti anche gli attori Debora Villa, Barbara Tabita, Fatima Trotta, Luca Peracino, Maria Del Monte, Gisella Donadoni, Carolina Marconi, Gabriele Cirilli e Beppe Barra. Le riprese (che erano incominciate a Rovereto, nel Trentino), dalla prossima settimana si spostano in Campania.
Poi il film uscirà nelle sale a metà Novembre, prodotto e distribuito da Medusa per Natale come "Cinepanettone".

Leggi tutto l'articolo