Il sogno di un Harem

Cara letizia ho un grosso problema di cuore d'amore.
Sono un uomo di 36 anni sposato da 10 e mezzo con un bimbo di 5 e 1/2, circa 1 anno e mezzo fa ho preso una cotta per una ragazza stupenda piu piccola di me di 8 anni (28 anni).
La storia è andata avanti fino adesso (storia non solo di sesso ma bensì di forte amore, di grossi sentimenti e di cose nuove mai provate per entrambi nella vita) ah dimenticavo lei era fidanzata da 8 anni si è lasciata 5 mesi fa.
Le cose sono cambiate quando lei si è lasciata perché io ho avuto una reazione di paura...  Lei cominciava ha volere non più un ruolo d'amante, bensì mi voleva e mi vuole tutt'ora tutto suo.
Lei con me si sente come una bambina protetta e innamorata spudoratamente e io altrettanto.
Lei per questa storia è finita all'ospedale con un esaurimento ed io ho avuto paura.
Io con mia moglie ho provato ha farla stancare di me e a dirle che il mio amore lei si è trasformato in bene.
Poi mi sono tirato indietro pensando mio figlio.
Oggi mi ritrovo innamorato pazzo della mia amica (amante) sempre di più però non voglio separarmi dalla mia famiglia.
Aiutami cosa posso fare datemi dei consigli.
Io senza la mia amica non riesco a respirare nel senso che mi manca sempre.
Un bacione, attendo la vostra risposta Caro trentaseienne sposato, anche se sei in una situazione difficile e di sofferenza, scusami ma la tua storia e il tuo tormento per quanto doloroso, in fondo sono di banale soluzione.
La passione ci conquista, ci fa sentire vivi e tu con lei hai provato sentimenti e sensazioni dimenticati, ardori sopiti e...
ti sei montato la testa.
Ma è bastato che lei lasciasse il suo fidanzato storico per gettarti nel panico.
E ora, non hai molte scelte purtroppo.
Puoi provare a lasciare nello strazio la tua amante e restare mesto e triste in famiglia, ricordando gli impegni presi e rispolverando quella parte di tenero affetto che ti lega al tuo passato.
Oppure con un atto di coraggio estremo, lasciare tua moglie e buttarti tra le braccia voluttuose della tua giovane amica, lasciando la famigliola nello sconforto.
Insomma qualcuno soffrirà.
A meno che tu non sia così audace, da riuscire a tenerti tutto.
Finché ce la farai, potresti rimandare le sofferenze di tutti e forse, riuscire a godertela.
Ma non è facile, richiede coraggio, buona memoria, notevoli doti fisiche e nervi saldi.
D'altronde ti ci sei cacciato tu in questo pasticcio e non puoi restare in questo piagnisteo troppo a lungo.
Un abbraccio Letizia

Leggi tutto l'articolo