Il tempo dei papaveri

Guardo fuori, un pallido sole fa capolino tra nuvoloni gonfi di pioggia, insiste, spinge, e riesce a illuminare con i suoi deboli raggi l’erba del prato fradicia di pioggia e il manto rosso dei papaveri che occhieggiano spaesati.
Il sole è tiepido ma sufficiente a darti la carica emotiva necessaria a cambiare sguardo.
Non c’è temporale che duri così a lungo da non veder ricomparire il sole, così nelle nostre vite, messe a dura prova da dispiaceri, fatti, eventi ai quali siamo sottoposti quotidianamente e che possono destabilizzarci. Momenti in cui vorremmo scomparire, chiuderci a riccio, soffocare il dolore perché tutto possa apparire normale agli occhi del mondo, mentre la sofferenza tracima dalla nostra pelle appena riusciamo ad isolarci e possiamo dar libero sfogo alle nostre emozioni.
Ma anche il pianto più disperato diventa sempre più flebile, fino a scomparire. Nuove immagini si sovrappongono a quelle distruttive e una naturale forza vitale ci spinge a reagire.
Tornano i progra...

Leggi tutto l'articolo