Il tempo fermo degli dei

Il vento soffia ostinato
Su quest’isola arcaica
Intrisa di miti e sassi
Lambita da un mare burrascoso
Che non si lascia interrogare
Tacciono gli antichi dei
Precipitati dai loro effimeri carri alati
Nel vortice frastornante
Di una sgraziata modernità
Aviotrasportata
Altre genti altri idiomi
Giungono ad affollare
Le invisibili strade
Occultate sotto spessi strati
Di bazar sedimentati
Archeologia liquida
La distrofia del tempo fermo
Che stenta a camminare.

Kremasti, Lalissos, Rodi 5-10 settembre 2017
(c)

Leggi tutto l'articolo