Il titolo di "Super Maestro" a......

Con una decisione che genera un po' di perplessità, le autorità scolastiche della città di Kyoto hanno assegnato il titolo di "Super Maestro", per il terzo anno consecutivo ad un insegnante, di cui non si conosce il nome, il cui comportamento, nei confronti dei suoi studenti, non è stato sempre irreprensibile.
Tra il 1997 e il 2001 è stato punito ben tre volte a causa di attacchi fisici nei confronti degli studenti.
incluso il lancio di una sedia verso i componenti della squadra di pallovolo della scuola e di cui è allenatore.
L'insegnante, di 52 anni, è stato anche varie volte accusato di aver inflitto punizioni corporali.
La motivazione, per la consegna del premio, è stata : "Per gli straordinari successi ottenuti con la squadra di pallavolo".
C'è un vivace dibattito nella società giapponese intorno alla scuola e al sistema educativo.
Fenomeni come il bullismo, la violenza tra gli studenti, le diminuzione delle prestazioni, sono problemi che cominciano a destare preoccupazione.
Sulla scelta dei mezzi per cercare di migliorare la situazione non c'è un'indicazione univoca.
Alcuni sostengono che bisognerebbe aumentare, come è già stato deciso, le ore di studio, reintrodurre punizioni corporali per migliorare la disciplina e l'apprendimento.
Altri, invece, sostengono che un'allegerimento della pressione scolastica porterebbe ad un miglioramento della situazione: attualmente la scuola giapponese è molto dura, selettiva e alimenta, invece di evitare, la competizione tra i giovani e spesso la tensione ha gioco facile soprattutto nei confronti degli studenti più labili psicologicamente, Il governo Abe voleva introdurre nella scuola un maggiore patriottismo, ma forse bisognerebbe lavorare su altri fronti tipo il metodo di insegnamento e il rapporto maestro-alunno dove, forse, giace il germe di tutti i problemi che attualmente attanagliano il sistema scolastico nipponico..

Leggi tutto l'articolo