Il tormentone estivo 2007

ESISTE UNA NUOVA SPECIE Il tormentonus estivus!Si definisce “tormentonus estivus” quella categoria di canzoni commerciali che hanno più impatto mediatico sulla società durante i mesi estivi.
Sono canzoni orecchiabili e che ovviamente sono le più ascoltate.
In realtà è uno stillicidio musicale che attanaglia il 90% della popolazione mondiale.
In molti tentano di sfuggirlo e di non farsi intrappolare dal magnetismo del suo ritornello ma è inevitabile.
Prima o poi lui si insinua dentro di te e ti ritrovi a cantarlo sotto la doccia.
Tutti lo cercano e lo studiano.
E lui è sempre lì.
Pronto a fare il suo ingresso in scena sulla spiaggia, in discoteca e ti sorprende anche mentre guidi.
Attualmente questo antico genere di tormentone estivo pare essersi nascosto molto bene, rasentando addirittura l’estinzione.
Se si sia nascosto tra le palme del Billionaire non è dato saperlo, ma è possibile tracciare un suo profilo psicologico attraverso l’analisi delle specie degli anni passati.
Nel 2000 il suo tratto specifico era la dance, come dimostrano i reperti trovati sulle spiagge italiane di Billy More e degli Eiffel 65, i quali, dopo essersi impegnati in performance di “Up & Down” e “Move your body”, si sono dati alla macchia.
Il 2001 è stato l’anno della specie italica, apparentemente più briosa e vitale della precedente.
Esemplari tipici sono stati Valeria Rossi e le sue “Tre parole”, insieme con un inesperto Giovanni Pellino, soprannominato Neffa per il buffo aspetto che lo contraddistingue.
Il soggetto è alla ricerca di una compagna alla quale dedicare “La mia signorina”.
La specie vituriana, o più semplicemente italiana, non rischia l’estinzione grazie a due maschi di stallonis sensibilis che hanno impressionato, nel 2002, il genere femminile con “Perdono” e “Ti prendo e ti porto via”.
I due esemplari, rispettivamente denominati Tiziano Ferro e Vasco Rossi, si possono ammirare in esibizioni live in particolari habitat, definiti tecnicamente palcoscenici, presso alcune città dello stivale d’Italia.
Dal 2003 al 2005 non si registrano spostamenti anomali e il genere più visibile dalla costa è il latinus americanus.
A capo del branco c’è un gruppo ispanico-americano migrato a New York City e la loro tattica di difesa è definita “Obsession” che quando colpisce istiga ad una frenesia nel moto del bacino.
Questo genere si è recentemente evoluto in “Bachata” ed è possibile ammirarla in quasi tutte le discoteche della costa mediterranea.
Il 2006 ha riscontrato una strana [...]

Leggi tutto l'articolo