Il turismo sostenibile

Viaggiare: conoscere luoghi e culture differenti.
A volte viaggiare significa anche scontrarsi con una realtà dura, una realtà che preferiremmo non vedere e che spesso continuiamo ad ignorare.
Certo, per fortuna esistono anche turisti consapevoli, viaggiatori che adottano un tipo di turismo solidale.
Il Turista Responsabile è il viaggiatore che conosce la realtà dei paesi di destinazione (sociale, culturale, economica, ambientale).
Si tratta di un viaggiatore etico che va incontro al territorio, alla gente e alla natura con rispetto e disponibilità.
Un viaggiare che sceglie di non allevare distruzione e sfruttamento, ma si fa portatore di principi universali: equità, sostenibilità e tolleranza.
Con poche regole l'impatto del turista presso la comunità visitata diventa di certo molto più sostenibile.
Una volta tornato a casa, il turista consapevole non dimentica ciò che ha visto.
Ritorna alla vita di tutti i giorni ma con uno spirito nuovo e si porta dietro la volontà di aiutare chi ha bisogno.
L’adozione a distanza è un modo per aiutare quei bambini che hanno bisogno di un sostegno per poter crescere e vivere nella loro terra.
Con l’adozione a distanza si offre ai bambini meno fortunati, che spesso vivono in paesi che sono meta delle nostre vacanze, concrete opportunità di sviluppo e, quindi, un futuro.
Ogni volta che viaggiamo in paesi meno sviluppati, adottiamo un modo di viaggiare che ci di immergerci totalmente nella vita e nella cultura del luogo visitato e di contribuire al miglioramento della comunità visitata.
Con questa forma di Turismo e con l’aiuto concreto offerto dall’ adozione a distanza, si sostengono le comunità locali ed il loro sviluppo anche partecipando attivamente alla vita comunitaria in loco.
 

Leggi tutto l'articolo