Il viaggio sulla luna

                                             
                                              per il 21 luglio 1969
 
1
La nave lo spazio naviga immobile quasi, il vuoto
spazio del cielo, sola immobile quasi nello spazio
          impalpabile polvere nel vuoto, pulviscolo nello spazio sperso
immobile quasi la nave veloce ultraveloce, d’ingegno
sottile e orgoglio l’opera naviga lenta immobile,
nello spazio ferma, nel finito infinito spazio
un punto qualunque, un centro nella sfera dove
ogni punto è un centro
                                      la sfera sconvolge l’ingegno
l’orgoglio del pensiero lucido pavido la mente
del lucido eroe, del suo lucido pavido scudiero
lo strumento potente il robot che sconvolto divora
cifre numeri innumeri, ride piange il robot,
il cuore di lega più tenera che ignora l’orgoglio
il male, d’impotenza piange, di rabbia impotente
il lucido pavido eroe
                                   il signore minuscolo
del cosmo spinge la nave veloce ultraveloce, divora
di...

Leggi tutto l'articolo