"Il vuoto del potere", quanto ci manca Pasolini

"Il vuoto del potere", quanto ci manca Pasolini "ERETICO & CORSARO" "Il vuoto del potere", quanto ci manca Pasolini Trentasei anni fa, all’Idroscalo di Ostia, veniva ucciso Pier Paolo Pasolini, uno dei più importanti intellettuali - regista, scrittore, poeta - del Novecento in Italia.
Ecco il suo famoso articolo "Il vuoto del potere ovvero L’articolo delle lucciole", pubblicato prima sul Corriere della Sera il 1 febbraio 1975 e in seguito nella sua raccolta Scritti Corsari.
  La distinzione tra fascismo aggettivo e fascismo sostantivo risale niente meno che al giornale "Il Politecnico", cioè all'immediato dopoguerra..." Così comincia un intervento di Franco Fortini sul fascismo ("L'Europeo, 26-12-1974): intervento che, come si dice, io sottoscrivo tutto, e pienamente.
Non posso però sottoscrivere il tendenzioso esordio.
Infatti la distinzione tra "fascismi" fatta sul "Politecnico" non è né pertinente né attuale.
Essa poteva valere ancora fino a circa una decina di anni fa: quando il regime democristiano era ancora la pura e semplice continuazione del regime fascista.
Ma una decina di anni fa, è successo "qualcosa".
"Qualcosa" che non c'era e non era prevedibile non solo ai tempi del "Politecnico", ma nemmeno un anno prima che accadesse (o addirittura, come vedremo, mentre accadeva)...
 Clicca qui.

Leggi tutto l'articolo