In Albania, tour attraverso i bunker sovietici riconvertiti al turismo

L'Albania è disseminata di bunker e, tra storia e geniale follia, offre a turisti da tutto il mondo la possibilità di una vacanza unica nel suo genere.
La guerra fredda ha avuto conseguenze enormi sul panorama dell’Albania, che vanta oggi bunker in ogni dove.
Così tanti da generare dibattiti sull’effettivo numero.
Basti pensare che tra gli anni ’60 e ’80 ne sono stati realizzati svariate centinaia di migliaia.
Il timore di un’invasione mai realizzatasi spinse il governo di Enver Hoxha a far leva sul patriottismo della popolazione nazionale.
In caso di attacco tutti avrebbero fatto la propria parte, difendendo la propria patria come una vera e propria milizia.
Al concordato segnale sarebbe partita la fuga verso i bunker, dove rifugiarsi e rispondere al fuoco.
Le basi per un epico war movie ci sono tutte ma, fortunatamente, nessuna di quelle persone dovette mettere a repentaglio la propria vita e quella dei propri cari.
I bunker però erano lì e ancora oggi resistono, facendo ormai parte del panorama dell’Albania, che ha col tempo deciso di donar loro nuova vita.
Ancora una volta ad essere protagonisti sono i cittadini comuni, armati solo dell’amore per la propria terra.
È così molto facile ritrovarsi ad ammirare bunker rimessi a nuovo, salvati dallo stato di assoluta decadenza in cui versavano, tramutati in qualcosa di nuovo, che possa donare sorrisi e non più incutere timore.
Fioccano pizzerie, bar, saloni per tatuatori e anche ostelli.
Dal terrore della guerra agli sguardi estasiati dei turisti, favoriti da progetti come Bed & Bunker.
Un piano ambizioso, nato dalla collaborazione della Polis University e dell’FH-Mainz in Germania.
Un modo per generare soluzioni davvero uniche, garantendo a turisti da tutto il mondo un’esperienza da inserire di diritto tra quei ricordi indimenticabili.
La creatività fa sempre la differenza, in qualsiasi ambito.
Grazie ad essa infatti un insieme di decadenti bunker, che custodiscono ricordi dolorosi di un Paese terrorizzato e impoverito, si ergono a simbolo di un popolo pronto a ripartire, a reinventarsi.
Le possibilità di tali strutture sono infinite e sul web è possibile optare per la location più adatta ai propri gusti.
In un mix di storia, natura e sana pazzia, si farà ritorno a casa con l’animo un po’ più ricco.

Leggi tutto l'articolo