In Puglia tariffe agevolate alle famiglie

Per la prima volta in Puglia i buoni servizio per minori, disabili e anziani.
Circa 30 milioni di euro per favorire la conciliazione tra tempi di lavoro e di cura per i bambini e i non autosufficienti.
L'Assessore Gentile presenta in conferenza stampa i due Avvisi pubblici rivolti alle famiglie per richiedere i contributi economici.  Avere accesso al nido o ai servizi socioeducativi per i bambini e le bambine è sempre più spesso insostenibile per le famiglie.
Come è difficile accedere ai servizi a ciclo diurno per le persone con disabilità o per gli anziani non autosufficienti, cioè per la frequenza dei centri diurni socioeducativi e riabilitativi e per le persone affette da patologie neurodegenerative (demenze senili, Parkinson, Alzheimer).  Per sostenere le famiglie e gli enti che gestiscono i servizi rivolti ai due target, l'Assessorato regionale al Welfare ha stanziato circa 30 milioni di euro per il finanziamento dei "Buoni servizio di conciliazione", vale a dire per l'erogazione di contributi economici rivolti a sostenere l'onere della compartecipazione delle rette a carico delle famiglie per asili nido e centri diurni e altri servizi per bambini, anziani e disabili.
Si tratta di un intervento assai significativo sia per la platea vasta dei potenziali destinatari finali, ma anche per la platea dei beneficiari, cioè per i soggetti pubblici e privati che erogano i servizi.    Sono previsti contributi fino a 600 euro mensili.

Leggi tutto l'articolo