Inchiesta per omicidio colposo sulla morte della 13enne sciatrice

Sul decesso della ragazzina francese avvenuto ieri mentre stava sciando, la procura di Aosta ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo.
La notizia è riportata da Sky Tg24.
Nella giornata di domani verrà affidato l’incarico per effettuare l’autopsia, mentre il soccorso alpino della Guardia di Finanza di Entrèves svolgerà gli accertamenti.
Aveva 13 anni la ragazzina morta ieri pomeriggio sui campi da sci di Sylvenoire, vicino Cogne.
Era in compagnia della sorella e del maestro da cui stava prendendo lezione.
Tutti e tre stavano percorrendo una pista rossa di media difficoltà, la numero 2 come riporta Ansa.
Sembra che la tredicenne sia uscita fuoripista, motivo per cui i suoi compagni di sciata l’hanno persa di vista.
Una volta arrivati in fondo alla pista, dove c’erano anche i genitori della ragazza, non vedendola arrivare, la sorella e il maestro hanno dato tempestivamente l’allarme.
I ‘pisteurs’ di Cogne che hanno rinvenuto il cadavere ipotizzano che abbia subito un trauma mortale andando a sbattere su un albero.
Il corpo della tredicenne francese, dice Ansa, ora si trova nella camera mortuaria di Cogne.
Beppe Cuc, presidente dell’Associazione valdostana maestri di sci, ha espresso parole di cordoglio per la tragedia.
Afferma inoltre, come riportato dal Messaggero, che sia le condizioni meteo che quelle delle piste fossero ottime.
Sono in corso ulteriori indagini da parte della guardia di finanza di Entreves.