Indennità di disoccupazione

Inps - Indennità di disoccupazione per i collaboratori con rapporto di collaborazione coordinata (DIS-COLL) In  data  27  aprile  l’INPS  ha  pubblicato  la  circolare  n.  83  avente  ad oggetto   l’indennità   di   disoccupazione   per   i   collaboratori  con   rapporto   di   collaborazione coordinata ( DIS-COLL) che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione, iscritti in via esclusiva alla gestione separata presso l’INPS, non pensionati e privi di partita IVA.
Sono esclusi gli amministratori e i sindaci.
Riepiloghiamo sinteticamente quali sono i destinatari, i requisiti, la misura, la durata e come presentare la domanda per aver diritto all’indennità.
I requisiti che devono essere congiuntamente soddisfatti affinché il collaboratore possa accedere all’indennità DIS-COLL sono tre: deve  essere  al  momento  della  domanda  di  prestazione  in  stato  di Disoccupazione; deve fare valere almeno tre mesi di contribuzione (per l’anno 2015 per la copertura di un mese occorre conseguire un reddito pari a 1.295,66 euro) nel periodo che va dal 1° gennaio dell’anno solare precedente la cessazione dal lavoro al predetto evento; deve fare valere, nell’anno solare in cui si è verificato l’evento di cessazione del rapporto di collaborazione, un mese di contribuzione versata o, in alternativa, un rapporto di collaborazione di durata pari almeno ad un mese e che abbia dato luogo ad un reddito almeno pari alla metà dell’importo che dà diritto all’accredito di un mese di contribuzione (per l’anno 2015 pari ad € 647,83).
L’indennità DIS-COLL per l’anno 2015 non potrà essere superiore all’importo di 1.300 euro, importo che sarà annualmente rivalutato.
L’indennità subirà una riduzione del 3 per cento, ogni mese, a partire dal 91° giorno di fruizione della prestazione e la sua durata massima non può superare i sei mesi di fruizione.
Per i periodi di fruizione della prestazione non sono riconosciuti i contributi figurativi.
La domanda per ottenere l’indennità DIS-COLL deve essere presentata all’INPS, esclusivamente in via  telematica,  entro  il  termine  previsto  di  68  giorni,  a  pena  di  decadenza,  dalla  data  di cessazione del contratto di collaborazione.
L’Inps  nella  propria  circolare  specifica  alcune  particolari  casistiche  relative  ad  una diversa decorrenza del termine di sessantotto giorni per la presentazione della domanda: nel caso di evento di maternità o di degenza ospedaliera [...]

Leggi tutto l'articolo