Indycar - Indianapolis: si torna in pista, Moraes il più veloce

A conferma del suo ruolo di outsider nella prossima 500 Miglia di Indianapolis, il brasiliano Mario Moraes è stato il più veloce nella prima giornata di prove della seconda settimana sull’Indianapolis Motor Speedway.
Il pilota del KV Racing Technology, che domenica 24 scatterà dalla settima posizione, ha ottenuto la media di 358,387 kmh.
Alle sue spalle il duo Penske, con Ryan Briscoe che ha preceduto il poleman Helio Castroneves.
Completano la top 5 altri due grandi favoriti per la corsa del Memorial Day, Scott Dixon e il leader del campionato Tony Kanaan.
Tra i piloti ancora non qualificati il più veloce è stato Oriol Servia del Rahal Letterman Racing, settimo assoluto alla media di 356,157 kmh.
"Sappiamo tutti che non è l'ideale scendere in pista solo il giovedi e venerdì", ha detto Servia.
"Abbiamo due giorni per prepararci per la qualifica e uno per la corsa." Nella top ten assoluta è entrato anche un altro pilota per il momento non qualificato, Townsend Bell alla guida della terza vettura iscritta dal KV Racing Technology.
Particolare lavoro per il Dreyer&Reinbold Racing, che ha quattro vetture iscritte ma solo una già qualificata.
Davey Hamilton, l’unico per il momento in griglia (col ventiduesimo è ultimo tempo attuale), ha speso la giornata prima testando la sua vettura per la gara e poi portando in pista la vettura del suo compagno di squadra, Mike Conway, incidentata domenica scorsa.
Il pilota inglese era presente, ma l’autorizzazione a scendere in pista gli sarà rilasciata solo domani dopo un test nella mattinata.
"Mi sento bene adesso", ha detto Conway.
"Martedì ero ancora dolorante, ma ora mi sento pronto a tornare in macchina.
Voglio solo ringraziare tutti gli uomini della sicurezza e il personale della IndyCar Series per avermi aiutato ed essersi presi cura di me.
Sono ansioso di tornare in pista." Il team si è dovuto occupare anche della ricostruzione della vettura di John Andretti, anch’essa pesantemente danneggiata in un incidente domenica.
"Siamo molto contenti che Mike stia bene, questo è ciò che conta", ha detto Dennis Reinbold, co-proprietario del team.
"I ragazzi hanno fatto un ottimo lavoro nel riparare sia la vettura di Mike che quella di John, e siamo pienamente concretati su quest’ultimo weekend.
Siamo pronti alla qualificazione di John, Mike e Milka.
Dobbiamo concentrarci su come metterli in griglia.
Allo stesso tempo, Davey può lavorare sulla corsa, e questo è sicuramente una cosa molto positiva." Domani è prevista l’ultima sessione di prove, prima del weekend che [...]

Leggi tutto l'articolo