Indycar - Long Beach: i più e i meno e Power Ranking

I più: Franchitti: dopo il botto nelle libere, non sbaglia più nulla, lascia andare via all'inizio Power, poi verso la metà prende la leadership e non la lascia più; anche meglio del previsto;   Power: Long Beach evidentemente è la sua pista, aveva vinto nel 2008 nell'ultima gara della ChampCar, quest'anno ottiene la prima pole position della carriera e corre una gara autorevole, nel giorno del ritorno di Castroneves, rimediando anche ad un misterioso rallentamento nelle prime fasi di corsa; Patrick: rimedia ad una qualifica disastrosa con una gara esemplare; ben guidata da Michael Andretti ai box, lei poi ci mette del suo corrend oalla grande, veloce e senza errori; ed adesso arrivano gli ovali, dove evidentemente si trova più a suo agio;   I meno: Briscoe: weekend totalmente all'opposto di St.Petersburg, in ombra, con errori nelle qualifiche e in gara; ma aldilà del tamponamento a Dixon, in generale non era veloce come in Florida; battuta a vuoto, pressione o il ritorno del capo squadra, quali i motivi? Conway: tre incidenti in due gare sono troppi, anche per un rookie, e adesso arrivano gli ovali; ad Indianapolis il suo team schiererà 4 vetture, servirà fare molti meno errori rispetto a questo inizio anno;   Carpenter: weekend disastroso, corso ai ritmi di Barrett...detto tutto.
    Power Ranking: 1.     (2) Dario Franchitti: un quarto e un primo posto è anche più di quello che ci si aspettava 2.     (3) Tony Kanaan: altro buon piazzamento in vista di momenti migliori 3.     (1) Ryan Briscoe: weekend all’opposto del precedente 4.     (8) Will Power: è un peccato che debba lasciare, corre da candidato al titolo 5.     (7) Dan Wheldon: altra gara tranquilla ed efficace 6.     (-) Helio Castroneves: il venerdì era in tribunale, il sabato in pista, ritorno efficace 7.     (5) Graham Rahal: deve limitare questi errori di gioventù, come ritmo è coi primi 8.     (4) Ryan Hunter-Reay: undicesimo è comunque un buon risultato 9.     (-) Danica Patrick: ottima prova, ora bisognerà dare costanza a queste prestazioni e migliorare in qualifica 10.   (-) Marco Andretti: stesso discorso di Danica 

Leggi tutto l'articolo