Indycar - Prima giornata di prove ad Indianapolis

Il canadese Paul Tracy, alla guida della vettura n.15 del KV Racing Technology, è risultato il più veloce nella prima giornata di prove ad Indianapolis, con il tempo di 40.3426 (358,918 kmh).
Il 40enne originario di Toronto è stato ammesso alla prima giornata, dedicata al Rookie Orientation Program, in quanto inattivo su un ovale da lungo tempo.
Un altro veterano si è piazzato al secondo posto: Scott Sharp alla guida delal vettua n.16 del Tequila Patron Panther Racing.
I rookie, più che al tempo, si sono dovuti dedicare a superare le quattro fasi del Rookie Test: Robert Doornbos, Raphael Matos, Alex Tagliani e Mike Conway li hanno superati tutti e quattro, Nelson Philippe tre e Stanton Barrett due.
domani ci sarà un'altra sessione dalle 9 del mattino alle due per superare le restanti fasi, prima che il tracciato venga aperto a tutti i piloti, compresi i veterani.
Robert Doornbos ha fatto segnare il miglior tempo tra gli esordienti con 40.5889 (356,772 kmh).
I rookie sono stati seguiti durante questa prima giornata da tre grandi campioni del passato: Al Unser jr, Rick Mears e Johnny Rutherford.
"L'obiettivo di questa giornata è di dare i nostri consigli e seguire questi ragazzi in modo che non comincino questa avventura col piede sbagliato", ha detto Rutherford.
"Che ci crediate o no, a 300 kmh la macchina non si comporta allo stesso modo che a 360." "Il nostro compito è quello di rispondere alle domande dei piloti che vanno in pista", ha aggiunto Unser.
"Il nostro ruolo di driver coach è molto importante.
Si tratta di comunicare con il pilota, parlare di quali sensazioni ha, e poi si può dare suggerimenti su come rendere migliore un qualunque aspetto.
E’ un beneficio per tutti.
La sicurezza è di gran lunga la cosa più importante.” Su cosa significa correre ad Indy, Unser risponde: “Questo è l'Indianapolis Motor Speedway, il più grande stadio del mondo, la più importante cosa del mondo, la più antica corsa al mondo.
E' la Corsa.
Anche i veterani hanno le farfalle nel loro stomaco in questo periodo.
Garantito."

Leggi tutto l'articolo