Info Sport | Inter news : Moratti: "Adriano? Abbiamo fiducia in lui"

Inter : Moratti: "Adriano? Abbiamo fiducia in lui" Adriano in nerazzurro "ha ancora chance di fare bene".
Massimo Moratti si gode la fine di un 2008 d'oro per la sua Inter: il patron dei campioni d'Italia si coccola tutti i gioielli guidati da Josè Mourinho.
Compreso il brasiliano, il cui rapporto con squadra e allenatore continua a vivere di alti e bassi e ripetute fughe in Brasile.
"Noi continuiamo ad avere fiducia in lui, credo che abbia la possibilità e la chance da noi di fare bene".
          "Il rapporto con lui è uguale a quello con tutti gli altri giocatori" prosegue Moratti. "E' importante che anche lui abbia fiducia e stima nel nostro modo di gestire il tutto, e questo lo obbliga a mantenere la forza e la serietà che comunque ha di base, perché è un bravo ragazzo".
    Tra i giocatori da elogiare il presidente riserva un posto speciale a Maicon, in qualche maniera emblema della forza fisica: "E' stato lui stesso a farsi considerare un'icona.
Quando lo abbiamo preso pensavamo che fosse un giocatore con delle qualita, è lui che ha espresso più di quello che ci si aspettasse, è un volitivo capace di trascinare pubblico e compagni".
    Il 2008 è stato l'anno dello scudetto, seppure arrivato con sofferenza nei minuti finali: Moratti rivela però di non aver mai avuto paura di perderlo.
"Nessun timore, avevo fiducia in Mancini, nei giocatori e in Ibrahimovic.
Sarà stata incoscienza, ma non ho mai pensato che non ce l'avremmo fatta".
    Dei cugini del Milan ha apprezzato l'operazione Beckham, "un fatto sportivo importante, perché è un professionista serissimo.
Ma non si può negare che sia un fatto di marketing.
Ma è un'operazione ben fatta e che mette a disposizione della squadra un grande giocatore".      Al 2009 Moratti chiede un regalo per sè e per i tifosi nerazzurri: "Che vadano avanti con questa grande professionalità, che è la cosa che mi piace di più di questa squadra.
In questo momento, avendo cambiato allenatore, è cambiata un po' la filosofia e, quindi, non era facile prendere subito questo nuovo modo di fare, invece i giocatori sono stati bravi, Mourinho pure.
Vorrei che, esprimendo se stessi, continuino a mostrare sempre di più questo senso di professionalità, di gruppo forte.
Poi il divertimento, perché ci sono giocatori di classe, lo stesso Mourinho è uno che si vuole divertire, ma questo insieme alle vittorie".

Leggi tutto l'articolo