Inno alla notte

Inno alla notte Novalis
 
Dovrà sempre ritornare mattina? Mai smetterà questa terrestre sopraffazione del moto? Empio è questo agire che impedisce la notte in volo che si avvicina. Mai avrà eterno tempo il segreto amore durevole offerta esposta per sempre? Perché alla luce è stato dato un tempo, ma senza tempo è il regno della notte, oltre gli spazi dilagato. Eterna è la durata del sonno oh così sacro, se tu non fossi così raro compagno a chi nella notte è consacrato in questo mondo di opere giornaliere. Soltanto chi ha cuore precluso non ti conosce e non sa nulla di te se non l'ombra pietosa sugli occhi manto serale che cala su di noi inizio della notte vera che si rischiara. Sei tu nel fiotto d'oro che brilla nell'uva perché c'è sonno nelle cose nel mandorlo e nel suo unguento profondo sonno buio nel papavero tu che leggero circondi alito in loro soavi fanciulle i loro seni in silenzio il loro grembo diventa il cielo. Non hanno sospetto che tu vieni da lontano da storie antiche avanz...

Leggi tutto l'articolo