Inter Kondogbia rischia il posto

Il calciatore  Kondogbia è stato snobbato da Deschamps e a rischio esclusione anche a Torino.Nell'Inter di Mancini, dove ha collezionato la seconda panchina consecutiva in un big match (dopo i 2 minuti contro la Juve, i 39' di sabato scorso con la Roma, al posto di Medel) e sembra in odore della terza (finora 11 presenze per il 22enne francese, 9 da titolare).
E in nazionale, con la seconda esclusione di fila dall'elenco dei convocati della Francia per le amichevoli d'avvicinamento ad Euro 2016.
Dopo il doppio gettone mancato in ottobre (contro Armenia e Danimarca), per Geoffrey Kondogbia niente test match di lusso con Germania e Inghilterra, in programma il 13 novembre a Parigi e il 17 a Wembley.E la motivazione è «di natura mentale - ha sottolineato il ct transalpino Didier Deschamps -.
Sta vivendo una situazione molto complicata con il suo club.
Non gioca abbastanza e, quando è sceso in campo, il suo livello di prestazione non è stato il migliore possibile».Tanto che domenica all'Olimpico di Torino potrebbe partire ancora dalla panchina, a favore di Marcelo Brozovic, tra i migliori in campo contro la Roma, e Gary Medel, matchwinner sabato scorso prima del ko alla schiena ma recuperato (ieri seconda seduta in gruppo per il Pitbull) per l'impegno con i granata.
Per Kondogbia, quindi spazi ristretti e ultimo posto nella corsa a 3 con il croato e con il cileno per due maglie.
La terza sarà, infatti, sulle spalle di Felipe Melo, al rientro dal turno di squalifica e certo di un posto, per esperienza e “garra”.
Visto che con il Toro sarà «battaglia, conosco i granata - ha dichiarato Danilo D'Ambrosio, ex di turno, a Inter Channel -, per loro deve essere stata pesante la sconfitta nel derby e contro di noi saranno affamati di vittorie».
Quindi, massima attenzione dietro, con Miranda e Murillo confermati come coppia centrale e con doppio ballottaggio (tra Santon e D'Ambrosio e tra Juan Jesus e Telles) per le corsie laterali.
L'obiettivo è, infatti, una vittoria, per arrivare alla sosta del campionato da prima della classe, l'apriscatole designato Mauro Icardi, al rientro dopo l'esclusione a sorpresa con la Roma e coadiuvato da Perisic e Jovetic sugli esterni.

Leggi tutto l'articolo