Intercettazioni. Napolitano-pm, ricorso a Consulta

Depositato il ricorso per conflitto di attribuzione contro la Procura di Palermo per le decisioni assunte sulle intercettazioni telefoniche del Capo dello Stato ANSA 30 luglio 2012 ROMA  - E' stato depositato alla Corte Costituzionale il ricorso per conflitto di attribuzione della Presidenza della Repubblica contro la Procura di Palermo per le decisioni che questa ha assunto sulle intercettazioni di conversazioni telefoniche del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano.
Lo fa sapere l'Avvocatura dello Stato.
E la legge 219 dell'89 prevede che il presidente della Repubblica non possa essere sottoposto a intercettazione se non dopo essere stato sospeso dalle funzioni a seguito del procedimento d'accusa previsto proprio dall'art.
90 della Costituzione.
Ora la parola passa alla Consulta.
Vai all’articolo Rassegna stampa Napolitano, su intercettazioni, conflitto contro la procura di Palermo Trattativa Stato-mafia, le prove già dal 1993 Roma.
CSM: sì a pratica su Scarpinato e Ingroia in Guatemala

Leggi tutto l'articolo