Isole minori di Sicilia, "si faccia chiarezza sul processo di privatizzazione di Siremar"

Si faccia chiarezza sul processo di privatizzazione di Siremar. Le isole minori della Sicilia attraversano un periodo di difficoltà e vanno assistite nell’interesse comune.
È questa la sintesi del messaggio accorato lanciato dal presidente di Federalberghi Isole Minori della Sicilia, Christian Del Bono.
La crisi libica ha falciato le speranze di una, sia pur lenta, ripresa dell’economia turistica siciliana e le piccole isole ne sono state investite particolarmente.
Le 14 isole siciliane rappresentano un patrimonio di risorse culturali e naturalistiche di primaria importanza, sono mete di eccellenza dell’offerta turistica regionale, fungono da attrattori e da volano economico anche per molte delle località della terraferma a queste prospicienti e come tali andrebbero trattate.
Le piccole isole sono tuttavia caratterizzate da ecosistemi fragili ed economicamente poco strutturati.
Non sono pertanto in grado di sopportare, denuncia Del Bono, fenomeni quali la tardiva gestione del flusso di migranti a Lampedusa o la perdurante chiusura dell’aeroporto di Trapani Birgi.
Non sono nemmeno in grado, rincara la dose Del Bono, di reggere la folle gestione del processo di liberalizzazione dei collegamenti marittimi così come ci è stata imposta sino ad oggi dal Governo.
Ad oltre due ani dalla scadenza dei termini imposti dall’UE per la liberalizzazione dei servizi di collegamento marittimo, il Governo italiano tra una proroga e l’altra non è ancora riuscito ad affidare il servizio, sottoponendo le isole ad un lungo, doloroso e costoso calvario.
Chi pagherà le sanzioni UE che inevitabilmente verranno imposte a partire dal 1 aprile? Chi risarcirà gli abitanti e gli operatori economici delle isole minori per tutti i disagi e i danni patiti negli ultimi 2-3 anni.
Si chiudono e si riaprono i termini di gare impostate senza ascoltare gli stakeholders locali e il cui esito sembrava già chiaro due anni orsono quando il Governo decise di far coincidere il concetto di liberalizzazione con quello di privatizzazione.
Si procede a fari spenti tra una serie dichiarazioni scomposte provenienti da una parte delle istituzioni, i timori per presunte future posizioni di monopolio e, soprattutto, le fondate preoccupazioni per il rischio di un eventuale aumento delle tariffe.
Il Governo nazionale non può pensare di stanziare una cifra fissa per 12 anni, notoriamente inferiore a quella necessaria per gestire i servizi Siremar, e pensare che qualcuno possa credere alla favola del mantenimento dei livelli occupazionali, delle frequenze e [...]

Leggi tutto l'articolo