Israele uccide piu' di 600 persone. Onu: "Forse" commessi crimini di guerra

  New York - Israele "potrebbe" aver violato la legge internazionale durante la guerra a Gaza.
Ne dubitano ancora quelli delle Nazioni Unite dopo che Israele ha uccisio in due settimane oltre 600 palestinesi, provocando il ferimento di altri 4000.
E dopo 16 giorni di violenti bombardamenti, da cieolo e da terra, adesso la signora Navi Pillay, che e' uno delle massime autorita' del Palazzo di Vetro, e' venuta ad esprimere "serie preoccupazioni".
E' preoccupta, forse perche', un altro organo dell'Onu, l'Unicef, qualche ora fa ha dato la terribile notizia che durante l'offensiva israeliana su Gaza, sono stati già ammazzati 121 bambini ? O magari per le demolizioni punitive di case, la distruzione di edifici, moschee, ospedali di Gaza, la citta assediata e martellata dalle bombe israeliane? No.
L'Alto Commissario Onu per i Diritti umani, e' preoccupata per "uso eccessivo della forza".
Allora, tutti questi morti e distruzioni sono l'esito dell' "uso eccessivo della forza" da parte dell'entita' sionista.
Meno male che la Pillay ha almeno parlato della violazione dei diritti internazionali a Gaza, anche se neanche' di questa e' convita.
" Il diritto umanitario internazionale sembra sia stato violato a un livello che potrebbe costituire crimini di guerra", ha affermato la funzionaria delle Nazioni Unite.
 http://italian.irib.ir/notizie/palestina-news/item/164536-israele-uccide-piu-di-600-persone-onu-forse-commessi-crimini-di-guerra   

Leggi tutto l'articolo