Istat, spesa: le famiglie italiane spendono oltre 2500 al mese. Aumenta il gap tra Nord e Sud

(Teleborsa) La spesa media mensile familiare cresce per il quarto anno consecutivo nel 2017, portandosi a 2.564 euro (+1,6% rispetto al 2016, +3,8% nei confronti del 2013, anno di minimo per la spesa delle famiglie).
Lo rileva l'Istat nel rapporto "Spese per consumi delle famiglie".
Il dato rimane comunque al di sotto dei 2.640 euro del 2011, anno cui ha fatto seguito un biennio di forte contrazione (-6,4% totale). Il tutto in un quadro caratterizzato da forti disparità territoriali: basti pensare allo scarto tra i 3.051 euro di spesa mensile delle famiglie lombarde e i 1.807 euro di quelle calabresi.  Considerando la ripresa della dinamica inflazionistica (+1,2% nel 2017 rispetto al -0,1% del 2016, quando la spesa media mensile era salita dell’1,0%), l’incremento di spesa in termini reali subisce un rallentamento.
Al netto del costo stimato degli affitti figurativi, cioè la spesa che le famiglie dovrebbero sostenere per prendere in affitto un'abitazione con caratteristiche identiche a quella in cui vivono e di cui sono proprietarie, usufruttuarie o che hanno in uso gratuito, la spesa media familiare è pari a 1.977 euro, in aumento del 2,2% rispetto al 2016.
Spesa delle famiglie, dunque, ancora al di sotto del livello registrato nel 2011 - "Urgente avviare misure per il rilancio del potere di acquisto e la redistribuzione dei redditi", il monito di Federconsumatori.
"Questo rivela, con estrema chiarezza, la necessità di misure appropriate tese ad una redistribuzione dei redditi e ad un complessivo riequilibrio delle condizioni economiche e sociali, attraverso un piano di investimenti che miri al rilancio di un’occupazione di qualità",  afferma Emilio Viafora, Presidente della Federconsumatori.
"Niente di buono", sintetizza per l'Unione Nazionale Consumatori il presidente Massimiliano Dona, evidenziando come i dato mostrino "la solita media del pollo tra chi è benestante e con la fine della recessione ha deciso di riprendere a spendere e chi non riesce ad arrivare alla fine del mese, che è sempre più in difficoltà e lasciato solo".
La spesa mensile del decimo di famiglie con i minori consumi, in effetti, è calata del 5%, mentre quella del decimo che spende di più è aumentata del 4,2%.

Leggi tutto l'articolo