Italia, con la Romania non puoi tradire

Milano, 13 giugno - A Zurigo partita da dentro o fuori contro la Romania: servono tre punti.
Dopo il flop all’esordio, in una notte da incubo a Berna contro l’Olanda, l’Italia di Roberto Donadoni cambia pelle e cerca contro la Romania tre punti vitali per restare in corsa da protagonista a Euro 2008.
Il commissario tecnico, come prevedibile, ha deciso di cambiare quasi tutto.
Rispetto a lunedi`, nella formazione iniziale si vedranno cinque volti nuovi: sicuri Del Piero e Chiellini, molto probabili Grosso esterno sinistro, Camoranesi esterno destro a centrocampo, De Rossi in mediana e Perrotta largo a sinistra.
Cambio di uomini, prima di tutto, ma anche di modulo, con Del Piero pronto a dare una mano a Toni, apparso troppo isolato contro l’Olanda.
La coppia centrale difensiva dovrebbe essere composta da Panucci e Chiellini.
Fuori Barzagli e Materazzi, che ancora si sognano i vari Van Nistelrooy, Kuyt e Sneijder.
L’uomo su cui Donadoni ha deciso di puntare tutte le sue carte e` Alessandro Del Piero.
Entrato nella ripresa contro l’Olanda, il capitano e` subito entrato in partita sfiorando il gol in un paio di occasioni.
Sacrificato Di Natale, che paga colpe forse non del tutto sue.
Lo juventino si e` affrettato a dire di non temere le responsabilita`.
Di battaglie ne ha vissute tante, l’esperienza non gli manca ed e` proprio a uomini come lui che il commissario tecnico si affida per riemergere dalla palude di Berna e ricominciare a correre.
La Romania stara` molto sulla difensiva.
Piturca ha preparato le contromosse, confezionando un 4-3-2-1 con Mutu e Petre alle spalle di Marius Nicuale.
La sensazione e` che molto spesso questo modulo si tradurra` in un prudentissimo 4-5-1, con Chivu schierato sulla linea dei centrocampisti.
Nelle ultime quattro sfide con i rumeni abbiamo sempre vinto, non ci battono dal 1989.
Ma guai a fare affidamento sulle statistiche.
Ricordate cosa e` successo lunedi` a Berna? Fonte: datasport.it 

Leggi tutto l'articolo