Italia, il gruppo della rinascita?

Dopo la vittoria nel torneo Gianatti a Bormio, un'altra vittoria della nazionale - in ricostruzione - contro la Francia.
Certo, mancavano nomi eccellenti tra i transalpini, ma Turiaf c'era e comunque il talento fisico non manca ai galletti.
Tutta la cronaca sul sito della FIP, qui un estratto, che male non fa ;) L'Italia batte la Francia 68-65 ed è la seconda volta in quattro giorni.
L'Italia vince alla fine di una gara intensa, con qualche errore di troppo, ma combattuta fino alla fine, senza esitazioni.
Decide Massimo Bulleri, con una palla rubata sulla rimessa francese con l'Italia avanti di un punto a otto secondo della fine.
"Abbiamo sonnecchiato un po' all'inizio - spiega Carlo Recalcati, ct azzurro- e alla fine è stata una bella prova di carattere.
Era l'ultima gara di questo periodo di preparazione a Bormio, senza Mordente e Soragna e ci potevano essere anche degli alibi.
Invece, i ragazzi si sono impegnati, e alla fine è stata una gara intensa, anche se zeppa di errori da una parte e dall'altra.
E se abbiamo vinto, vuol dire che qualcosa di meglio noi l'avremo pur fatta".
Nel bene e nel male il Bullo ci mette sempre del suo.
In una nazionale - quella vista finora - abbastanza priva di talento (ovvio, mancano Bargnani, Belinelli e Gallinari) Bulleri è il giocatore che può fare la differenza per talento e inventiva.
Deve solo trovare concentrazione, continuità e determinazione!

Leggi tutto l'articolo