Italpetroli-Unicredit: Angelini presenterà l'offerta ufficiale?

CORRIERE DELLO SPORT - Verrà costituita una nuova società, 51% i Sensi, 49% Unicre­dit, che avrà al suo interno la Roma cal­cio, gestione ai Sen­si, mandato a vende­re irrevocabile e to­tale alla Banca che, a questo proposito, affiderà nei pros­simi giorni il man­dato a vendere a Rotschild Italia di Alessandro Daffinà, tifoso romanista doc.
La famiglia Sensi, oltre ai trenta milioni di eu­ro garantiti e all’azzeramento del debito di circa 400 milioni, riceve­rà un cinque per cento sulla vendi­ta della Roma, per qualsiasi cifra superiore ai cento milioni; la nuova società che sarà costituita prevede che il 51% dei Sensi sarà ceduto al­la cifra simbolica di mille euro; è stata fissata in circa 12 milioni la multa che la famiglia dovrà versa­re se dovesse attuare scelte che di­minuiscano il valore della società giallorossa.
Il professor Ruperto ha ufficializzato che la sentenza finale ci sarà il prossimo undici otto­bre, ma le firme sono state messe a Milano dal dottor Pier Giorgio Peluso, numero tre di Uni­credit, e dalla dottoressa Rosella Sensi, accompagnata dal­l’avvocato Gambino.
GAZZETTA DELLO SPORT - la Newco assisterà il processo di vendita dell'As Roma e tutta l'operazione dovrà comunque passare al vaglio della Consob.
La firma di ieri non chiude l’arbitrato, rinviato all'11 ottobre, ma apre ufficialmente la fase della transizione, in cui l’advisor Rothschild si occuperà di trovare i nuovi proprietari.
Alla banca d’affari non sono ancora arrivate proposte ufficiali, ma qualche voce di investitori italiani e stranieri (arabi, soprattutto) circola già.
Nel frattempo la transizione sarà gestita dalla Sensi ma «controllata» da UniCredit e le decisioni andranno prese collegialmente.
LEGGO - Ci sono volute quasi tre settimane perché la lettera d’intenti sfociasse in un accordo vincolante.
Un ritardo causato da alcuni dettagli fiscali, ma soprattutto dalle problematiche nate intorno alle deleghe che spetteranno a Rosella Sensi nel Cda di Newco Roma.
La ricerca per la nuova proprietà è affidata alla Banca Rothschild che sta sondando già da alcune settimane il mercato in cerca di investitori in grado di coprire il valore del bene (circa 140 milioni) e di garantire un futuro solido alla squadra.
L’obiettivo è trovare qualcuno entro l’inizio di novembre, ma è difficile poiché ci sono dei tempi tecnici da rispettare, ma soprattutto c’è la necessità di verificare tutte le possibili offerte.
Non si sarebbe arreso Francesco Angelini, che nelle prossime settimane [...]

Leggi tutto l'articolo