Iter 2010: La soluzione finale

AUTODIFESA- SELF DEFENSE
__________________________________________
 
 
2010:La soluzione finale
 
 
In agosto 2009 arrivammo in un paese senza un posto dove dormire e in condizioni di indigenza. Qui trovammo un prete, che per aiutarci ci diede in uso un locale della curia. Alcuni parrocchiani, non gradendo la nostra presenza, non solo non ci aiutarono ma  fecero pressioni sul prete perché ci cacciasse. Il prete, per non inimicarsi parrocchiani facoltosi e per non fare brutta figura di persona avara utilizzò alcune sue amicizie per allontanarci dalla zona, facendo passare l’intera azione per pulizia. Coinvolse dunque il sindaco del paese, cioè un suo amico d’infanzia che svolgeva l’attività di avvocato, per farci sbattere fuori dal paese dalle forze dell’ordine. A tale scopo vennero raccolte delle testimonianze che ci delineavano come delinquenti, la fonte di tali testimonianze erano quei stessi cittadini che non ci gradivano. Le forze dell’ordine interpellate dal sindaco, vista l’auto...

Leggi tutto l'articolo