JAZZ E MELODIA

      Ho avuto di meglio da fare che guardare la finale del Festival di Sanremo...
mi sono persa qualcosa di eccezionale?   Ho solo fatto in tempo a tornare a casa per vedere la vittoria di una canzone che non era tra le mie preferite...
oggi non mangerò per la delusione!   Dunque, dicevo che ho avuto di meglio da fare...
sì, ho assistito al concerto jazz di mio fratello Sergio Consani, con il suo gruppo Jazzin' in Blue Jeans Quartet, al Teatro Vertigo di Livorno.
        La cosa eccezionale è stata la fusione tra jazz e melodia, grazie alla partecipazione della violinista e direttrice d'orchestra Rita Bacchelli.
        Sembrerà strano che la melodia del violino possa sposarsi con l'uso estensivo dell'improvvisazione, di blue note, di poliritmie e di progressioni armoniche della musica jazz, interpretazioni insolite se confrontate con quelle in uso nella musica classica.
Invece sono rimasta incantata da questo singolare connubio, grazie alla bravura dei musicisti.
  Voglio fare una breve similitudine per questa nobile performance, una similitudine gustosa, fuori dal comune per definire la musica, ma penso che renda bene l'idea di questo abbinamento...
è stato come mettere una dose di squisita panna montata, dentro una fumante e calda tazza di cioccolata.
    Non ridete...
è una sensazione sublime!      

Leggi tutto l'articolo