Joy Division

Inghilterra, Manchester - seconda parte degli anni settanta.
Siamo nel periodo post punk-rock e quattro ragazzi inglesi decidono di formare una band.
Prendono il nome dalla denominazione dei gruppi di prostitute che nei campi di concentramento nazisti allietavano la vita dei militari.
Il loro sound metteva in musica la desolazione della civilta` industriale e spostarono l'enfasi sulle atmosfere invece che sulla semplice rabbia.
Il leader del gruppo divenne subito Ian Curtis che aveva le passioni di scrivere poesie e ascoltare musica rock.
Unknown pleasures è il loro primo album ed esce nel 1979.  Si incentra sul grido sconnesso di Disorder e sulla visione tenebrosa di Day Of The Lords, e, sospinto nel baratro dalla marziale estasi allucinogena di New Dawn Fades, scende la china verso l'ineluttabile tormento e catalessi emotiva di I Remember Nothing, la loro metafisica The End, snocciolando lungo il calvario anche l'incalzante hard-rock di Interzone e il vibrante melodramma di Shadow Pl...

Leggi tutto l'articolo