Karma

Mi chiedevo, oggi pomeriggio, se questa storia del karma esista davvero.
Se è vero, come sostengono le religioni indiane, che ci reincarniamo per rimediare ai danni fatti in una vita precedente, per risolvere cose lasciate in sospeso, per riallacciare rapporti che non si sono conclusi in modo adeguato.
Me lo chiedevo quando ero, tanto per cambiare, imbottigliata nel traffico di metà pomeriggio mentre stavo tornando a casa dopo aver accompagnato mio figlio dagli amici.
Ovvio che gli amici con cui si sta bene, con cui si hanno tante cose in comune e con cui si vuole trascorrere il nostro tempo libero abitino dall'altra parte della città, dove ci vuole mezz'ora di macchina per arrivare e ovvio che, di domenica, quando gli autobus sono più rari delle mosche bianche, si chieda alla mamma se può accompagnarci.
Mio figlio grande, gli amici vicino a casa non li ha avuti nemmeno all'asilo.
L'avevo iscritto a quello più vicino a noi, dove ci spettava il posto di diritto, ma dove c'erano anche bambini provenienti da altre zone.
E lui, logicamente, ha legato con quelli.
Che poi lo hanno seguito anche alle elementari, e alle medie.
Quindi non dovrei stupirmi che adesso, al liceo, non conosca nemmeno il vicino di casa mentre conosce tutti i ragazzi (e le ragazze) dei quartieri più lontani dal nostro.
All'andata, musica a tutto volume, qualche chiacchiera con lui (che almeno questi viaggi a qualcosa servono, siamo solo noi due e parliamo); al ritorno silenzio (ero già rintronata abbastanza dai Rammstein e dalle chiacchiere del suddetto figlio, che quando ci si mette è più logorroico di me) e, nel silenzio, sono partiti i pensieri.
Mi piace lasciare la mia mente libera di spaziare e vedere dove mi porta, mi diverte e mi stupisce.
Stasera le è venuto in mente il karma.
Devo aver combinato qualcosa in una delle mie vite precedenti, qualcosa che ha a che fare con le auto, perché non amo guidare e sono obbligata a farlo spesso, troppo spesso.
Dovrei studiarci su, pensare a cosa può essere, ora che mi è venuto questo pensiero sono curiosa e devo indagare.
Cosa avrò mai fatto da doverlo scontare macinando km su km quando il mio solo desiderio è di sedere comoda e tranquilla sul sedile passeggeri? Mentre zigzagavo fra le corsie nel tentativo di arrivare in tempo per prendere l'altro figlio all'uscita dal ritiro sportivo e pensavo a cosa preparare di veloce per cena, di veloce, appetitoso e senza dovermi fermare a fare la spesa, ecco che arriva la telefonata di mia mamma : "ho fatto le lasagne, ne vuoi una teglia?" Santa mamma.
Se [...]

Leggi tutto l'articolo