Kate, nuda alla meta

Torno a bomba sul caso delle foto della duchessa Kate perché gli ultimi sviluppi mi confortano nella mia tesi che il paparazzo che l'ha immortalata come mamma l'ha fatta, ha compiuto solo il suo lavoro.
Un ottimo lavoro.
Il dubbio, sollevato anche da alcuni lettori del mio blog, era sulla liceità di una violazione così dirompente della privacy, soprattutto di una futura Regina.
La nuova salva di foto pubblicate in uno speciale di 16 pagine, dalla rivista danese Se Og Hor, nelle quali Kate appare senza reggiseno e senza slip (cosa ci sia di sexy ed eccitante in una donna, che si cambia le mutande qualcuno dovrebbe spiegarmelo) direi che cancella ogni perplessità.
Ma vi sembra normale cambiarsi il costume rimanendo nuda come un verme (anche se un bel verme) sulla terrarazza di un castello? Pensate che William e Kate siano così sprovveduti da non sapere che introno a loro ci sono in agguato i migliori fotografi da rivista di gossip del mondo? Rispondete francamente, voi vi ignudereste su una terrazza la cui protezione non è un muretto ma, come si vede nelle foto, una ringhiera che lascia vedere ottimamente chi la occupa e cosa fa? Con questo la bella Kate ha tutto il diritto di mettersi in libertà dove e quando vuole, però non ci rompano le scatole (lei, la Corona Inglese e i moralisti dell'ultim'ora) con la violazione della privacy.
Io questo lo chiamo esibizionismo.
Se avessi avuto quelle foto, scattate in quella circostanza e non dal buco di una serratura, le avrei pubblicate.
E non escludo che, tutto sommato, la diffusione non abbia indispettito più di tanto la duchessa Kate le cui poppe, chiappe e passerotta regali sono ora apprezzate in tutto il globo.

Leggi tutto l'articolo