Kusturica a Montecarlo spara a zero contro Oscar e Netflix

Roma, 9 mar.
(askanews) - Non usa giochi di parole Emir Kusturica.
Il regista, presidente della giuria al Festival della Commedia di Montecarlo, dice la sua su Netflix e non risparmia critiche al cinema Usa e tutto ciò che gira intorno agli Oscar.
Le sale sono il posto dove bisogna vedere i film, perché il cinema è un'arte collettiva, un atto culturale che fanno persone che non indossano lo smoking.
E' una vergogna perdere i cinema, ma stiamo procedendo verso la loro cancellazione.
"Per me Netflix, a casa, dovrebbe servire per mostrare documentari con un approccio diverso rispetto a History channel, che ha un orientamento unico".
Alla domanda cosa pensi del film che ha vinto l'Oscar, "Green book", Kusturica risponde: "Non guardo quei film.
Oggi nel cinema americano c'è questa mitologia della compassione e dell'attenzione ai problemi sociali.
Quindi se vuoi vincere un Oscar basta che tu decida quale mitologia seguire: contro il razzismo? Contro il populismo? Oppure scegli il tema della vicinanza a chi soffre? Che è molto tipico del capitalismo: produce gente che soffre e poi ne fa un film".

Leggi tutto l'articolo