L' Eneide: la storia di un eroe dal grande destino

Da Troia a Roma Mentre gli Achei tornarono dopo la conquista di Troia, c' erano molte persone che morirono e altri che erano diventati schiavi in Grecia.
Nella storia il centro dell' attenzione si sposta dalla Grecia alla panisola Iberica, dove era passato Odisseo, ma qui diventa uno dei centri principali, che procederà alla nascita di un' altra grande città: Roma.  La storia in breve Il protagonista delle vicende è Enea, un principe troiano, figlio di Anchise e della dea Venere.
All' inizio del poema Enea lo vediamo alla prese con una tempestache scaraventa lui e i suoi compagni dalla regina Didone, che accoglie l' eroe con un banchetto.
Dopo il tramonto, Enea cade alla richiesta della sua ospite gli racconta tutto il suo viaggio.
L' eroe troiano dice di essere sfuggito alla guerra di Troia perchè a lui è stata affidata la missione di fondare una città.
Mentre Enea parla, la regina si inammora di lui, gli offre di rimanere a Cartagine, però il suo destino era di partire per la patria.
Enea obbedisce, e subito la sua partenza Didone si uccide.
Prima di raggiungere a destinazione Enea scese nell' Ade per conoscere il proprio fato e per vedere la grandezza della città che dovrà essere costruita da lui.
Finalmente approda sulle coste del Lazio, però le avventure non finiscono qua, perchè per amore di una donna scoppia una guerra.
Dopo questo scontro l' eroe troiano riceve dal re Latino la mano della figlia Lavinia.

Leggi tutto l'articolo