L'ANGOLO DELLA Poesia

Appassionati di bicicletta     di  Carlo Sandroni   Preima de tutt c'è una frase molt important , par chi vo arrivè distant e specialment sla ià i pedel , bsogna cerchè da non sentis mèl.
(chi va piano va lontano)   E nuiatre cha a navem fretta , a iavem scelt la bicicletta.
  A sem quei del bar dle grott , a partem sempre alle ott , ma a sem partid anca de nott , (partiti come dei polli e affrontare nove colli)   E' stat dle beli avventur mo malè a iavem truved el dur , specialment quella del Neron , ce vleva almen sett o ott maron.
  Mo se t'vò le soddisfazion , bsogna arivè al lemit dla sopportazion , ma arturnem mai gir normel , snò machè a me sent mèl.
  Urbein , Urbania e l'Aqualagna , se part senza fè la lagna , mo quant'zì par i Fangacc , se cmincia a veda dle facciacc , cha al ritorne vers Calmazz , già ta vud un bel strapazz , e se prosegue par Urbein ,  e po via giò che t'va tutt in pein.
  Oh , non te stachè ma la Morciola , parchè el giorne dop c'è la moviola , e po via el vuladon , e sentì a dì quan zì quaion.
  Quest lè el nostre divertiment , purtropp par molti an sem inteligent , prò a sem bon da stregna i dent.
  Tutta la stmena a lavrem , e a la Dmenga a ce sfoghem , ma sotta sotta il vria fè , l'è chi ni la fan a pedalè.
Iè tropp abitued ma l'automobil e la chiavetta , che in sa manca cum la iè fatta una bicicletta.
  Oh , l'important l'è la salut , dì chi venga una volta par le Caput , a isgnem  co vu dì a fadighè , altro che sempre a critichè

Leggi tutto l'articolo