L'AVVOCATO - 5

  Personalmente non mi sentivo maturo per militare in un partito ed ero riluttante all’idea di finire dentro un’altra chiesa.
A farmi superare le perplessità sarebbe bastata, in effetti, la constatazione che era il PCI l’unica forza politica concretamente impegnata a promuovere la condizione della classe lavoratrice e l’unica speranza di alternativa a un sistema di mafia e di clientelismi.
Questo significava essere comunista in Italia.
C’era il PSI di Pietro Nenni, verso il quale il medico Allega, grande amico di tutta l’intellighenzia del paese, aveva convogliato gli altri Filoni; ma lo vedevo come un modo di non dispiacere né a Dio né al Diavolo.
  Avvertivo invece, riposta nel subconscio, un’altra motivazione personale a quella scelta politica: il non dovermi più sentire una sorta di alieno o di ebreo in quel mondo che avevo appena recuperato.
Se ero condannato a rimanere un diverso, come aveva profetato Padre Polverini e come mostrava di essere Vittorio, non sarebbe stato per mia scelta.
Volevo sentirmi “compagno”.
  Nella seconda estate monteflaviese mio fratello filava con la bionda e brava Franca, mentre io mi sottrassi un poco all’abituale compagnia dei Filoni per frequentare un’avvenente signora che riuscì a dirozzarmi un poco.
Era una delle pochissime, allora, che non si vergognassero di manifestare la voglia di cotale (così a Monteflavio come in Pietro Aretino).
  Derideva con me i pretesti di giustificazione sentimentale cercati da molte donne evidentemente vittime anche loro di una educazione maschilista che faceva percepire il sesso come colpa.
Spiattellava peraltro senza mezzi termini:    “Questa società l’avete costruita voi maschi, a vostro uso; e in una simile società, figuriamoci in un paese come Monteflavio, la donna che appena si conceda qualche libertà è considerata una sgualdrina.
E’ questo che trattiene tante donne dall’abbandonarsi al piacere”.
Considerazioni anche queste che condividevo.
“Ma anche tu sei abbastanza impacciato”, aggiunse una volta: “Cerchi pretesti anche tu? O da che cosa sei trattenuto?”   Mi turbò quella verità sbattutami sul muso con disinvoltura.
Cincischiai su un timore che la donna si offendesse...
Sorrise puttanescamente: “Sappi una cosa, Fabio, se vuoi approfittare della fortuna di essere un maschio: la donna può dirti di no, ma le farà sempre piacere sentirsi desiderata.
Non c’è pericolo che il tuo desiderio la offenda.
Mai”.
  Constatazioni elementari che io dovevo ancora acquisire… 

Leggi tutto l'articolo