L'Arca de Noè 20-21

A la pantera Pe fatte concepì 'sto paragone te vojo da' 'n esempio su la storia: vedi l'ômo.
Tiè que l'incrinazione de dimostrasse sempre co' la boria.
Lui po' campà' in un nido de bardoria eppure per un nome o p'ambizzione se mette a guereggià co' le persone p'esse' onorato doppo la vittoria.
Dunque tu pure, te dovrai lottà co l'antre bestie, ma co' differenza che si le vinci, a scopo de magnà.
Mentre lui no; lo fa perchè è n'infame prima se sbatte, e quanno se dispenza ...
Tu ciai la panza piena ...
e lui? la fame.
    Ar cagnolino   Siccome che la donna è capricciosa specie si cià li sordi da sciupasse, le va cercanno tutte pe' spassasse ...
e spesso je viè a mente quarche cosa.
Questo succede a la zitella o sposa, fa' conto che ner giorno s'annoiasse, te porta assieme a lei pe' divagasse e assieme a te farà la scivolosa ...
Vedrai come te bacia su la bocca! T'alliscia, t'accarezza, te vo' bene e guai, a chi s'accosta, a chi te tocca! ...
Pe' te, ce butta sordi a sprofusione ma si un poraccio carico de pene je chiede un sordo, nun cià compassione.
Ar castoro Uh ...
Guarda che paura che s'è messa?! P'un furmine? ma su ...
pora bestiola! Che dichi? ciài paura che nun cessa? nun lo ripete più 'na vorta sola?! Iddio quanno ch'à dato 'na parola mica se la rimagna, s'interessa, mica fa come l'omo la ciriola ...
doppo che t'à giurato 'na promessa.
Nun dubbità' che cessa senza dillo, e in riva a un fiume te farai la casa dove vivrai pacifico e tranquillo.
Lo sai tu ar monno che nun cesserà? Chi magna, beve e gode sempre a spasa sfruttanno er sangue de l'umanità.
A' riccio Dice: - Ma annamo! Vedi da piantalla! e che se fa così p'un fio che mòre? Nun vedi? Ciài 'na faccia gialla gialla che pari un'omo pallido d'amore! Viè qua ...
cammina; sorti da la stalla lassa quer pianto, lassa quer dolore ...
ormai la cosa è vecchia e poi scordalla so' dieci giorni che te strazzi er core ...
- Ma e riccio appena intese dì accusì s'arivortò a Noè, se guardò intorno, come pe' dije 'ste parole qui: Mica so' l'omo che si cià famia e je se môre un fijo, doppo un giorno lo vedi annà' a giocà' ne l'osteria ...
Mario Centi L'Arca de Noè.
A tutti l'animali raggionevoli, Stab.
d'Arti Grafiche G.
Nunzi, Via dei Volsci 77-a, Roma A.IX (1931), pag.
20, 21.

Leggi tutto l'articolo