L'Arte viva e quella morta

…che poi, la fortuna di queste mega esposizioni, dove puoi passarci un’intera giornata di riflessioni profonde e relative ai massimi sistemi del nostro vivere e morire ed esserci e agire e trovarci un senso (…ma un senso non ce l’ha, cantava a gola spiegata il Vasco nostro nazionale) al diverso disporsi ed accadere delle cose e delle volontà degli uomini, la fortuna sta tutta in una certa aria di festa mobile garantita da tutte queste classi in visita e dai loro commenti leggeri e, a volte, stupidini e ai ‘selfie’ che si fanno davanti alle istallazioni più eclatanti degli artisti neanche fossero in piazza san Marco fronte basilica o in posa appoggiati alla colonna del Todaro.Che, se volessero o sapessero cos’è vera arte e cosa no, potrebbero in un ‘workshop’ guidato radunare e organizzare e stampare tutte quelle loro foto-ricordo e incollarle in un pannello grande tutta una parete ed ecco pronta un’altra riflessione/esposizione di vite vissute e ricordi e ‘come eravamo’ disponibile per...

Leggi tutto l'articolo