L'ESILIO E LA REDENZIONE

L'armonia fra la Religione e la Legge dello Sviluppo o il Cieco Fato Posto questo contributo cabalistico pregandovi di sostituire Israel carnale con Israel spirituale perchè i pur bravi e saggi cabalisti si ostinano nel voler aderire esclusivamente alla loro religione.
Ergo, l'esilio degli ebrei è solo figura dell'esilio di un collettivo di anime che non ha nulla a che vedere con le razze umane.
Gli Ebrei non ammetteranno mai che Israel è solo un nome dato loro in prestito   «E fra quelle nazioni non avrai sollievo né avrà riposo la pianta del tuo piede» (Deuteronomio 28,65) «E ciò che immaginate in cuor vostro non avverrà, mentre voi andate dicendo: Saremo come le genti, come le famiglie degli altri paesi» (Ezechiele, 20,32).
Ecco che il Creatore – Avayà ci mostrerà in modo evidente che Israel in esilio non ha alcuna esistenza ed essi (le popolazioni di Israel) non avranno riposo, come il resto dei popoli che si sono mischiati ad altre popolazioni ed hanno trovato riposo, fino ad assimilarsi agli altri, ma di essi non rimane alcun ricordo.
Non è così rispetto alla casa di Israel, che non troverà riposo fra le genti fino a che non si verificherà in essa ciò che è scritto: «E da lì voi ricercherete il Signore tuo Dio e Lo troverai perché Lo ricercherai con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima» (Deuteronomio, 4, 29).
Questo può essere spiegato riferendoci al decreto della Provvidenza, scritto a nostro riguardo, dato che la Toràh è Verità e tutti i suoi detti sono veri, e guai a noi se dubitassimo della Sua veridicità, riferendoci a tutti gli ammonimenti che si verificano in noi, quando diciamo che essi sono la per puro caso e per un cieco fato, che Dio non voglia! In quanto a ciò vi è un solo rimedio, quello di rapportarci alle sofferenze in maniera tale da considerare come fossero fortuite, mentre sono (frutto) della Fedele Provvidenza, a noi predestinata dalla santa Toràh.
E ciò va chiarito nell'ambito della Legge dello Sviluppo secondo la quale abbiamo raggiunto uno sviluppo molto più rapido di quello delle popolazioni del mondo dovuto alla natura della fedele guida che abbiamo conseguito per mezzo della santa Toràh, nella distinzione della Via della Toràh che v’è nella Provvidenza.
E poiché i membri della nazione si erano sviluppati, fu necessario andare sempre avanti ed essere estremamente meticolosi rispetto ai precetti – Mizvot della Toràh.
E poiché essi non rispettarono ciò, ma desiderarono invece coinvolgere (a quel punto) anche lo stretto egoismo, vale a dire il [...]

Leggi tutto l'articolo