L'ILVA VISTA DA BERTOLDO

Ovviamente, per parlare di un problema complesso come quello dell’acciaieria Ilva di Taranto, bisognerebbe avere studiato a fondo il problema. Così come per curare gli animali, bisogna aver conseguito una laurea in veterinaria, che dicono più ardua di quella in medicina. Ma se si ha un asino e non gli si dà da mangiare, è necessario un veterinario per capire di che soffre, e di che cosa morirà?
La notizia di oggi è che il ministro Di Maio trova insufficienti le controfferte della Arcelor Mittal, l’acquirente indiano dell’Ilva, e dunque – dopo aver richiesto il parere dell’Avvocatura di Stato – cercherà di annullare la gara. Ovviamente ciò significa che l’acciaieria continuerà a perdere un milione di euro al giorno (denaro che il governo dovrà trovare, perché i fondi disponibili arrivano fino a settembre), poi indire una nuova gara, trovare un altro compratore, e procedere alla vendita. Tutte cose che qualche difficoltà presentano.
Veniamo al malessere dell’asino. Di Maio e i sindacati ...

Leggi tutto l'articolo