L'IMMIGRAZIONE E' LA NUOVA FORMA DI FINANZIAMENTO PUBBLICO AI PARTITI

Alessandro Di Battista Quel che ‪#‎mafiacapitale‬ e lo scandalo del CARA di Mineo (dove è coinvolto l’ennesimo esponente di NCD, un partito con più indagati e condannati che elettori) ci fanno capire è che l’immigrazione è diventata una vera e propria forma di finanziamento pubblico ai partiti.
Pubblico sì, perché i soldi sono i nostri.
Finanziamento sì, perché ci mangiano in tanti.
Politici, funzionari ministeriali, cooperative rosse o bianche.
E lo fanno sulla pelle degli italiani che non ce la fanno più ad accogliere cittadini africani (non è razzismo) e sulla pelle degli africani, prima impoveriti, martoriati dalle guerre e da neo-colonialisti e oggi resi schiavi per essere sfruttati per ottenere soldi su soldi (che non vanno agli immigrati).
Per questo destra e sinistra non hanno mai nemmeno provato a risolvere il problema.
L’emergenza deve durare.
In acqua torbide si pesca meglio.
I partiti ai quali nessuno dà più soldi (grazie a Dio) si stanno inventando nuove forme di finanziamento.
Nuovi business per non scomparire.
Mangiano su tutto, sull’emergenza abitativa, sui rom, sulla mondezza, sugli immigrati e persino sui matti come dimostra lo scandalo della Clinica Divina Provvidenza.
Noi non molliamo.
L’onestà tornerà di moda.
P.S.
Lunedì 15 sarò a Bisceglie, ore 11.30 davanti alla Clinica Divina Provvidenza assieme a molti portavoce pugliesi.
Azzolini deve essere arrestato al più presto e va posta la massima attenzione su questa vicenda.
Si parla di un buco da 500 milioni di euro!

Leggi tutto l'articolo