L'OPPOSIZIONE VIENE DA AUSTIN, TEXAS Solo i mercati possono liquidare Salvini.

Lo abbiamo preso in giro tutti, ma aveva ragione lui. La Madonna, il rosario, mezza dozzina di santi assortiti hanno funzionato. In cassa non c’è una lira, ma Salvini annuncia tasse più basse, grandi lavori, e quindi una nuova era di prosperità. Il tutto, per ora, manda il conto autunnale (dei debiti nuovi) verso quota 100 miliardi. Ma nessuno fa una piega. Tutti assistono, attoniti, al miracolo.
I 5 stelle sono ormai una specie di malato terminale, tenuto in vita da stipendi e prebende varie, e non protestano più di tanto. Berlusconi spera sempre di riportare sotto controllo Salvini, ma si sbaglia: il capo della Lega non vuole padroni. Il Pd pensa a fare una ricerca di idee, cosa sempre utile e anche opportuna in questo caso, visto che finora non si è abbondato, a parte la ridicolaggine “torniamo nelle periferie”.
Intanto, il paese viaggia verso spread a quota 300. Le tasse aumentano e, giorno dopo giorno, qualche pezzettino di welfare viene tagliato via.
E’ circolata l’ipotesi c...

Leggi tutto l'articolo