L'U.I.T.S. rinnova il direttivo

L'Unione Italiana Tiro a Segno (UITS) fu istituita nel 1910 per coordinare l'attività svolta dalle Sezioni del Tiro a Segno Nazionale (TSN), ovvero i poligoni di tiro presso i quali chiunque voglia imparare a sparare si reca per ottenere la certificazione di abilitazione al maneggio delle armi, in modo assolutamente similare a quanto facciamo quando ci rechiamo presso un'autoscuola per imparare a guidare e richiedere "la patente di guida", ma con controlli molto più rigidi, trattandosi di armi.L'Unione Italiana Tiro a Segno ha due anime.
È una Federazione Sportiva, affiliata al CONI e all'ISSF (International Federation of Shooting Sports).
Ma è anche un Ente Pubblico, sotto la sorveglianza del Ministero della Difesa, in quanto l’UITS supervisiona la gestione delle sezioni del Tiro a Segno Nazionale, da cui dipende il rilascio delle certificazioni: per chi pratica lo sport, ma anche per tutte le guardie particolari giurate e il personale armato delle Polizie locali attive nei comuni italiani.E tuttavia, con la votazione di Roma del prossimo sabato 22 il Tiro a Segno Nazionale si trova di fronte a un importante bivio storico, a causa di una profonda crisi organizzativa di cui l'UITS soffre da tempo.
Difficoltà dovute ad un management non propriamente "giovane" e del tutto incapace di interagire con le complesse dinamiche – soprattutto di comunicazione – del mondo in cui viviamo. Purtroppo, tutto questo ha portato anche a conseguenze più gravi, come alcuni fatti di attualità hanno recentemente evidenziato.È questo il contesto all'interno del quale si cala la figura di Pierluigi Borgioni, candidato alla Presidenza UITS per il quadriennio 2017-2020, quello che porterà alle Olimpiadi di Tokio.Personaggio assolutamente sconosciuto ai non addetti ai lavori, Pierluigi Borgioni è laureato in Giurisprudenza, con al suo attivo trent'anni di esperienza specifica nel mondo delle armi e del tiro sportivo in tutte le sue forme, come funzionario della Polizia di Stato ed ex Direttore del Catalogo Nazionale delle Armi Comuni da Sparo, organo che per molti anni ha supervisionato la classificazione di tutte le armi da fuoco nel nostro paese."Il rinnovamento dell'Istituzione del Tiro a Segno Nazionale, a partire dai quadri dirigenti UITS, è una priorità necessaria e urgente", afferma Pierluigi Borgioni, convinto della necessità di recupero di efficienza per l'UITS e per tutte le Sezioni del TSN, dalle quali dipendono sia la promozione del bellissimo sport del tiro a segno (molto educativo per i giovani, al pari del Judo, del [...]

Leggi tutto l'articolo