L'UOMO CHE NON CREDEVA NELL'AMORE

Voglio raccontarvi una storia molto antica su un uomo che non credeva nell'amore.
Si trattava di un uomo comune, proprio come voi e me, ma ciò che lo rendeva speciale era il suo modo di pensare: era convinto che L'AMORE NON ESISTESSE.
Naturalmente l'aveva cercato a lungo, aveva osservato le persone intorno a sé, trascorrendo gran parte della vita in cerca d'amore, solo per scoprire che l'amore non esisteva.
Dovunque andasse, diceva a tutti che l'amore è soltanto un invenzione dei poeti e delle religioni, usata per manipolare la debole mente umana, per controllare le persone.
Diceva che l'amore non è reale, e per questo è impossibile trovarlo quando lo si cerca.
Era un uomo molto intelligente e riusciva ad essere convincente.
Lesse una quantità di libri, frequentò le migliori università e diventò un rinomato studioso.
Poteva parlare dovunque, davanti a qualunque pubblico, e la sua logica era inoppugnabile.
Diceva che l'amore è come una droga: ti fa sentire bene, ma crea una dipendenza.
E cosa succede se una persona diventa dipendente dall'amore, e poi non riceve la sua dose quotidiana? Quell'uomo diceva che la maggior parte dei rapporti d'amore è come il rapporto che c'è tra un tossicodipendente e il suo spacciatore.
Quello dei due che ha il bisogno maggiore è il drogato, e l'altro assume il ruolo dello spacciatore.
Quest'ultimo è quello che controlla il rapporto.
E' una dinamica facilmente osservabile, perché in ogni relazione di solito c'è uno che ama di più e un altro che si limita a ricevere, ad approfittare di chi gli ha donato il suo cuore.
E' facile vedere come si manipolano a vicenda, tramite le loro azioni e reazioni, proprio come un drogato e uno spacciatore.
Il tossicodipendente, quello che ha il bisogno maggiore, vive con il timore costante di non ricevere la prossima dose di amore.
Pensa: "Cosa farò se mi lascia?" E tale paura lo rende possessivo.
Diventa geloso ed esigente.
Lo spacciatore comunque può sempre manipolarlo, dandogli dosi maggiori o minori, oppure negandogliele del tutto.
La persona con il bisogno maggiore si arrende ed accetta di fare qualunque cosa pur di non essere abbandonata.
L'uomo della nostra storia continuava a spiegare a tutti perché l'amore non esiste.
"Ciò che gli uomini chiamano amore è solo una relazione basata sul controllo e sulla paura.
Dov'è il rispetto? Dov'è l'amore che dichiariamo di provare? Non esiste." Le giovani coppie davanti a un simulacro di Dio, e davanti alle loro famiglie e agli amici, si scambiano una quantità di promesse: di vivere insieme [...]

Leggi tutto l'articolo